Co.A.S. Medici Dirigenti

Associazione di medici dipendenti ospedalieri Organizzazione di categoria di Medici Ospedalieri Dipendenti dal S.S.N.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto!

Regione Piemonte

E-mail Stampa PDF

 

Segretario  Regione  Piemonte

Dott.  Elio  Rolfo

e-mail :  "   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "

Cell. : 3392008820

 

 

Tesoriere Regionale

Dott.ssa  Mirella Coen

Ospedale  "Le Molinette" - Torino

e-mail :  "   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "

Cell. :  3471241000

 

Segretario  Azienda Ospedaliera di Torino

Dott.ssa  Mirella Coen

Ospedale  "Le Molinette" - Torino

e-mail :  "  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "

Cell. : 3471241000

 

Azienda Sanitaria Locale Torino - 2
Ospedale San Giovanni Bosco
(in corso di assegnazione)


 

Ospedale S.Carlo - Milano, 29/03/2011

E-mail Stampa PDF

 

FASSID

 

AREA SIMET DIRIGENZA: COAS MEDICI DIRIGENTI

 

SEGRETERIA AZIENDALE OSPEDALE S. CARLO BORROMEO

 

Milano , 29/03/11

Spett. le Amm. ne Ospedale S. Carlo

E, p.c.

A tutti i Medici del S. Carlo.

Egregio Assessore Regionale Sanità.

Direttore Generale della Sanità.

Alle OO. SS Mediche e Dirigenza Sanitaria del S. Carlo.

Oggetto : Pagamento Risorse Aggiuntive Regionali 2010 (RAR).

Nella precedente riunione del 23 c.m., tra le OOSS Mediche e Codesta Amm. ne, abbiamo saputo, per la prima volta, che le RAR non vengono pagate al 100 % dell’ammontare totale, ma solo all’80% del totale.

Ci spieghiamo meglio : per il 2009 e 2010, per ciascun anno, era stato stabilito dalla Regione e Sindacati, una cifra globale di 2242 Euro per medico, oltre 227 Euro per i medici che effettuano almeno 12 turni notturni all’anno.
Ci è stato spiegato, sempre nella stessa riunione, che il mancato pagamento del 20 % della cifra totale è dovuto al fatto che la Regione ha finanziato tali Risorse, solo parzialmente e che il bilancio dell’Azienda non ha permesso l’integrazione economica per arrivare al pagamento del 100%.

Ci risulta, invece, che l’Accordo tra Regione e Sindacati , firmato in data 11/06/2009, sulle RAR 2009/2010, non prevede vincoli di bilancio o/e parziali finanziamenti Regionali.

L’unico vincolo, ai fini del pagamento delle RAR , è costituito dal raggiungimento degli obiettivi regionali, successivamente recepiti dalle Aziende Sanitarie.

Ci risulta che anche per il 2008 e 2009, Codesta Amm.ne, abbia pagato le rispettive RAR, solo all’80%.

Con la presente, chiediamo, la restituzione dell’ammontare del 20 % della cifra totale pattuita con la Regione, previo il raggiungimento degli obiettivi, + 227 Euro per i medici che hanno effettuato almeno 12 turni notturni all’anno, ANCHE PER GLI ANNI 2008 E 2009, con lo stipendio del mese prossimo, con l’aggiunta di 360 euro, come stabilito dall’Accordo Regione e Sindacati del 31/01/11.

Distinti Saluti

Segretario Aziendale

Dr. Massimiliano Oliva

Segretario Regionale

Dr. Antonio Bastone

Segretario Regionale Dr. Antonio Bastone , Ospedale S. Gerardo, Via Pergolesi 33, 20052 Monza( MB), Villa Serena P.T. Tl/Fax 039.2332413 –cell. 3386505729, E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Web: www.coasmedici.it, www.simetsind.it

 

Brunetta non lo sa

E-mail Stampa PDF

Certificati Medici ON-LINE

Il Ministro della Pubblica Amministrazione e dell'Innovazione, Dott. Renato Brunetta, ha legiferato e tuonato secondo le indicazioni di razionalizzazione della spesa pubblica, come già indicato nella Legge delega 15/2009 e  nel Decreto Legislativo noto come "Legge Brunetta".

Con una Circolare Ministeriale ha indicato una sequela di sanzioni per i Medici che non avessero utilizzato la procedura on-line per le certificazioni di malattia.

Ma ormai in Italia il Governo centrale ha anche legiferato contro se stesso attivando il Federalismo e affidando alcuni importanti capitoli di spesa ad altre Istituzioni chiamate “Regioni”.

Ed infatti la circolare, oltre a dare un aggravio di lavoro tipicamente amministrativo ai Medici Dirigenti Ospedalieri delle varie U.U.O.O., ha immediatamente determinato una reazione diametralmente opposta da parte del Presidente dei Governatori (Vasco Errani, n.d.r.) che sostiene che per procedere all'avvio delle sanzioni debbano essere adeguate dalle Regioni le procedure dei sistemi informatici e dello stesso personale che dovrebbe essere di supporto al funzionamento di un notevole numero di terminali informatici.

E che le Regioni non abbiano in questo momento i soldi per avviare correttamente e compiutamente tutte le procedure necessarie per mettere a regime il sistema è cosa assolutamente credibile.

Insomma il concetto espresso dal Ministro Renato Brunetta sul lavoro dei Medici Ospedalieri e sintetizzato nelle espressioni “Macellai” e “Fannulloni” ha colpito ancora.

Il Ministro infatti non ha considerato che, al momento della dimissione di un paziente da una U.O. di degenza o da un Pronto Soccorso, il dover compilare un certificato medico on-line può impegnare un professionista - assunto per curare pazienti – a dover passare davanti ad un p.c. una media di venti minuti a certificato. Ovviamente quando le dimissioni da quel reparto sono una decina al giorno oppure, come in un Pronto Soccorso, si arriva alle duecento dimissioni al giorno, il problema della certificazione on-line inizia a diventare rilevante.

Ci chiediamo se il Ministro sia riuscito - nella sua capacità matematica da economista - abbia pensato di fare questo calcolo banale : 20 minuti per 10 dimissioni sono 200 minuti; cioè circa 3 ore abbondanti di lavoro medico sottratto all'attività di cura dei pazienti. Insomma tutti ormai sappiamo che per dimettere anche un solo paziente impieghiamo circa un'ora, distribuita tra : Foglio di dimissione, SDO, certificato on-line.

Insomma il Ministro Brunetta partendo dal presupposto che i Medici siano dei Fannulloni continua ad attribuirgli incarichi che seppure erano tipici del medico, finiscono per diventare impropri a causa della difficoltà d'utilizzo del nuovo metodo.

Il certificato medico deve inoltre essere archiviato in cartella sotto forma cartacea in quanto al momento solo questa forma costituisce la dimostrazione che il medico ha espletato quanto richiesto.

 

Passiamo a discutere dell'applicativo messoci a disposizione.

Non so se sia successo anche per Voi che leggete, ma la mia SMART CARD non ha funzionato al momento della prima attivazione e continua a non funzionare. Devo quindi ogni volta eseguire l'accesso con credenziali (codice fiscale e password).

Effettuato l'accesso Vi succederà di frequente che il sistema rifiuti il certificato perché il paziente vi ha fornito un indirizzo diverso da quello in possesso del sistemats.it; questo vi costringerà ad allontanarvi dal p.c. e chiedere precisazioni al paziente sui vari indirizzi di residenza cambiati negli ultimi anni. Inoltre, guai a non conoscere il CAP di quel paese o di quel rione. Ma non demordete, basterà abbassare la finestra del sistemats.it e, in un'altra finestra, cercare su Google il CAP corretto. Riprovate. E' un rebus risolvibile con tentativi anche la certificazione della patologia e del relativo codice ICD-9. Questa è una vera operazione di fantasia da sbrigliare sempre più nei vari tentativi da ripetere fino a che l'applicativo vi accetterà il Vostro sudato certificato on-line.

E che l'applicativo non fosse né destinato né pensato per i medici ospedalieri è secondo me dimostrato dal fatto che nella casella attestante il tipo di prestazione, le ipotesi offerte sono solo due : Ambulatoriale o Domiciliare. Ambedue queste scelte sono tipiche dei Medici di Medicina Generale. E' quindi acclarato che il Medico Dirigente Ospedaliero non è stato neppure preso in considerazione come compilatore di certificati di malattia. E' un operatore aggiunto dopo!

Per inciso Vi comunico che Noi Ospedalieri dobbiamo utilizzare la voce Ambulatoriale affinché il certificato venga accettato dal Sistema.

Tutto a posto quindi?

No!

Numerosi pazienti sono tornati a lamentare che la loro Amministrazione Pubblica (Scuola, Provincia, Corte dei Conti, etc.) non riusciva a interpretare correttamente il certificato on-line e rimandava il paziente a chiederci la compilazione del solito foglio di carta da archiviare.

RifiutateVi.

Mi sento di suggerirVi questo comportamento, dopo aver naturalmente perso un altro po' di tempo a ritrovare la cartella del paziente ed aver verificato sulla copia cartacea (gelosamente conservata) che il certificato on-line sia corretto in ogni sua parte. Fatene un'altra copia e consegnatelo al paziente.

RicordateVi inoltre di inserire come data di inizio della malattia quella del primo giorno di ricovero, altrimenti al povero malcapitato paziente non riconosceranno i giorni di ricovero.

Il Sistema la accetta.

Mi chiedo quindi :

La certificazione on-line ha davvero prodotto tutto il risparmio vantato dal Ministro Brunetta?

500 milioni di € in solo un mese e mezzo di applicazione?

Il Ministro ha fatto il conto delle dimissioni che scivolano da un giorno all'altro perché non c'è più il tempo di fare tutte le dimissioni che sono state programmate per quel giorno?

Quanto costano questi giorni di degenza in più?

Niente, tanto sono a carico delle Regioni, quindi Brunetta non lo sa.

 

A.G.

 

Regione Sicilia

E-mail Stampa PDF

Referente  Regione  Sicilia

 

Dott.  Gianfranco  Raccuia

e-mail :  " Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "

3358433635

 

 

Cos'è il COAS

E-mail Stampa PDF

Organizzazione di categoria  di Medici Ospedalieri Dipendenti dal S.S.N.

Sindacato Autonomo di medici ospedalieri che non si vogliono arrendere al degrado della Sanità
affidata a faccendieri nominati dalla politica.

per contattarci : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Presidente Nazionale Pro-Tempore : Dott.ssa Lucia Magni  3384975902 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Vice-Presidente : Dott.ssa Lucia Magni  3384975902 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Segretario Nazionale : Dott. Alessandro Garau : 3473639841     Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Piemonte : Elio ROLFO : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel.: 3392008820
Lombardia : Emanuela GIAMPIERI : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel : 3470300030
Veneto :  Tosca BERTIN  : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Tel. : 3471524150
Toscana : Paolo LUCARELLI : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel. : 3389370354
Sardegna : Paolo Zedda : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel.:  3476994031
Puglie :  Massimo CIAMPI  :  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel. 3478567559
Calabria :  Alfredo PETRONE :    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel.:    3473996566
Sicilia (Agrigento)  Gianfranco RACCUIA :  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel. :  3358433635

 


Pagina 82 di 83